Senza categoria

Auguri a tutte le mamme, belle anzi bellissime e profondamente amoroveli!

Sì, auguri a tutte le mamme. Una festa che deve essere celebrata tutto l’Anno!

Un fiore sboccia, un profumo la inebria.

La mamma è l’essenza della Presenza e della Protezione. Ogni mamma ha nel cuore il suo diletto figlio!

Non so esprimere bene questo mio ammirevole sentimento, questa mia grande e fervente adorazione verso questo simbolo umano. Perché non ho ancora sperimentato questa emozione, che è indescrivibile ed immensa!

Portare nel grembo un essere che cresce dentro di te, che ti

cambia, che ti migliora, dove ogni cosa assume un significato raddoppiato!

Senza categoria

Perché si dovrebbe essere costretti a rallentare o velocizzare il ritmo di lettura? Voglio condividere queste mie parole, dopo che un ‘amica si era vista tacciata di leggere voracemente, quindi spero di convincerla a non farle abbandonare l’amore profondo e Puro per la Lettura!

Molto lenta, mi definirei una tartaruga. Non posso che leggere un capitolo al giorno. Sono al quarto libro dell’anno. Come mi hanno anticipato gli altri, non è mica una gara. Ma è molto di più, credimi. È uno scambio tra scrittore e lettore. Un gioco magico e meraviglioso con le parole, essere trascinati nell’abisso profondo e ammaliante della Fantasia! Un canto melodioso dal quale farsi cullare, ritornare bambini e crescere a secondo della forza e Bellezza di un romanzo. Soffrire, gioire allo stesso ritmo dell’autore. Perché leggere è un viaggio di trasformazione. Inevitabilmente si cambia, si lascia qualcosa per strada e si trova di più.

Spero di averti trasmesso e di averti persuaso a continuare il tuo Viaggio!

Senza categoria

Il Cacciatore di Aquiloni di Khaled Hosseini

Ho adorato questo commovente romanzo! Un autore che ancora non conoscevo, leggerò sicuramente altro di suo.

Un romanzo che mi ha fatto innamorare di Kabul, una terra magica, dilaniata dalla guerra, un popolo piagato dalla sofferenza, dai soprusi e dalla violenza. Un amore che Hosseini ha saputo trasmettermi, una passione che ti entra dentro. Mi sembra di poter leggere nei suoi ardenti occhi! Un ammirazione totale per questo prodigioso autore! Hassann e Amir, due bambini così vicini, così veri! Ma che sembrano divisi dal ceto, infatti Hassan è lo schiavo hazara che cresce con il padre Ali, nella casa di Amir. Il primo che è vittima di una malformazione, il così chiamato labbro leporino. Non va a scuola, ma è qualcosa di più di un semplice compagno di giochi! Il complice e protettore di Amir, lo aiuta, lo soccorre, diverrà l’agnello sacrificale! Amir, va a scuola, impara a leggere, ma il rapporto con il padre Baba sarà all’insegna della conflittualità.

Un segreto li unisce! La grande Bellezza dei sentimenti così vicini, Vi confesso che mi ha rapito e commosso, mi ha fatto piangere il cuore!

Un romanzo che mette al centro i rapporti umani, la loro fragilità, la loro potenza devastante, con le conseguenze che portano inevitabilmente ad una crescita e trasformazione!

Un momento molto bello e toccante, direi purificatore, è stato il volo degli aquiloni, un gioco, una tradizione per questi compagni di gioco e per il popolo afgano!Dove senza bisogno di parole si possono donare al cielo pensieri e soprattutto dove il silenzio può divenire il protagonista e far sentire la ”melodia dei propri cuori!

Senza categoria

Musica che batte, che rimbomba, che picchia, ma anche musica che è una melodia trillante, gioiosa, che prelude all’Eterno, alla Perfezione e quindi alla Bellezza…

Relax può essere tutto o niente, Cielo o Terra, inizio o fine. Può essere un’ Alba, un tramonto, lo stormo di uccelli, un paesaggio, un mattino limpido od addirittura un cielo stellato!

  1. Ma Musica è qualcosa di più. Di più preciso, la stessa parola è qualcosa di musicale che richiama mondi remoti, anche quando siamo nel ventre materno, ”Musica” per le nostre orecchie sono i rumori ovattati del mondo esterno che ci accoglierà, il suono della voce materna!
  2. La musica ci richiama ricordi indelebili e remoti. Dove tutto assume un dolce e rimembrante suono.

Per esempio, ascolto spesso canzoni, cerco di abituare ed allenare l’orecchio a suoni diversi, a musiche talora sinfoniche, talora pop o rock.

Le parole ed i discorsi assumono un significato e senso diverso se immersi, se intrisi nell’atmosfera musicale. Il suono delle parole, tutto può trasformarsi ed alludere ad un significato più interiore!

Mi sto accorgendo che questo è un articolo e non semplice flusso di pensieri! Vedete come spesso e volentieri si può confondere e più precisamente travisare l’intento e lo scopo che avevamo intenzione di trasmettere?

Si tratta di un errore genuino che comunque non nuoce al contesto e non distorce o tradisce!

Senza categoria

Terribile, è stato definito, da Melania Mazzucco, il celeberrimo e tanto celebrato, in tutta Europa, Tintoretto!

Ho avuto modo di seguire su Sky Arte, un bellissimo e ben fatto documentario su Tintoretto.


Si parla di Tintoretto che si staglia, si erge su Venezia, che è stata Amore e Vanagloria .

Un documentario su una Venezia, divisa e soprattutto pestilenziale. Dove tre pittori se la sono contesa: Tiziano, Tintoretto e Paolo Veronese.

Il primo Tiziano ha lottato e cercato di lottare contro Tintoretto, ma quest’ultimo ha trionfato, mantenendo una grande ”prestanza” scenica e registica. Perche’ parlo di regia? Perchè Tintoretto ha fatto uso di una grande competenza, genialità teatrale ed addirittura un registro cinematografico, che ha attirato grandi registi Oltralpe.

Solo molto tardi, quando Tintoretto aveva pressapoco quarantacinque anni, fece parte della Confraternità di San Rocco, dove ha avuto modo di far vedere la sua inesauribile sete di conoscenza, di umile strumento dell’Arte, perchè ha utilizzato molto la povertà, la semplicità come elemento primordiale!

Anche gran risalto hanno i costumi orientaleggianti. Ma quello che ho avuto modo di scoprire è la monumentale teatralità delle posizioni dei personaggi, l’uso della profondità.

Grande importanza hanno riscosso il ruolo magistrale delle donne, nelle Opere come nella Vita. Emblematico il ruolo della prediletta Marietta, una dei nove figli del Maestro , che spesso ha portato per adempiere alle sue committenze, dove ha dovuto travestirla da ragazzo, visto che alle donne non era permesso svolgere l’attività pittorica.

L’uso del chiaroscuro, dei colori non trasparenti e lucenti ma molto oscuri, è la tipica caratteristica Tintorettiana.

Ben presto, proprio a questo si antepone la nascita e la ribalta di un altro pittore: Paolo Veronese. Questo giovane utilizza diversamente da Tintoretto, colori molto fluidi e pervasi di lucentezza, committenze che provengono da personaggi aristocratici.

La differenza, è proprio sulla loro posizione sociale, sullo spessore umano, artistico e religioso.

Anche Tintoretto verrà colpito dalla Peste ma ne uscirà, diversamente da Tiziano!

Per me, Tintoretto è stato un pittore ”focoso”, irruento, una genialità che gli ha permesso di mantenere in maniera più duratura, la sua bottega, tramandata al figlio Domenico.


Per Tintoretto, la Pittura ha davvero significato Tutto!!

Senza categoria

La forza dell’Amore…

Tutto può l’amore, nella gioia e nel Dolore, nella Tolleranza, nella Sofferenza.

Ogni cosa si può e si deve affrontare. Dove mancano le Parole, Vi è lo Spirito. Dove manca questo, ci può essere la nostra Presenza.

Tutto si manifesta per un disegno imperscrutabile, Divino.

Basta iniziare la giornata e dire a se stessi: “In questo giorno, illuminato dalla Luce, pervaso dal calore umano, tutto può accadere ed ogni cosa si può realizzare”.

Il percorso può essere faticoso, ogni goccia di sudore che imperla la fronte, è una gocciolina di piccolo trionfo. Perché nella fatica, si possono valutare i veri risultati!

Vi auguro una Bella giornata, di successi e di Gloria.

Se non ci sentissimo, Vi auguro un Buon 25 Aprile!