Senza categoria

Un libro con cui ho ritrovato una dimensione onirica. Ho ritrovato me stessa e il mio mondo. In tutti questi lunghissimi e faticosissimi mesi, mi ero persa e con questo formidabile e florido romanzo, mi sono interamente ritrovata. Risultato è che la lettura ha un azione salvificatrice e rigenerante. In questo momento, più che mai!

Sostiene Pereira di Antonio Tabucchi

Un libro formidabile, rigenerativo, prorompente e molto potente. Mi ha dato la possibilità di concentrarmi ed immergermi completamente e totalmente. Di poter rinascere, proprio come una fenice che si rigenera dalle sue ceneri!

Antonio Tabucchi, ha vinto premi prestigiosi, per quest’opera intramontabile: il Premio Viareggio-Repaci, il Campiello, il Prix Européen Jean Monnet. Da cui verrà adattato il fim omonimo, con la straordinaria interpretazione del sublime Marcello Mastroianni.

Si tratta di un romanzo di formazione, nel quale si intrecciano, tre generi: storico, psicologico e sociale.

TRAMA

Lisbona 1938. Nella dittatura salazariana, in un Agosto focoso, ci troviamo vis à vis con Pereira, un giornalista, un personaggio con cui ho simpatizzato enormemente.

Il suo aspetto me lo figuro, come un cioccolatino boero, con un dolcissimo e delicato ripieno alla ciliegia. Guarda caso, nelle ultime pagine, si assiste alla preparazione e consumazione, proprio da parte sua, delle ciliegie allo spirito.

Pereira vedovo, parlerà spessissimo con la foto della moglie defunta. Un immagine che mi ha riempito il cuore e molto intenerito.

Egli lavora ed è redattore di un quotidiano cattolico: Il Lisboa. Si occupa della pagina culturale.

Un giorno, contatterà Monteiro Rossi, un ragazzo che diverrà suo collaboratore, per redigere necrologi. Sarà un sodalizio, da cui però scaturiranno dinamiche fondamentali per il prosieguo della storia.

RECENSIONE

Pereira è un uomo assopito, che vuol vivere tranquillo, senza farsi coinvolgere da fattori sociali e politici. In un momento politico, così delicato e sconvolgente, egli intende e vive solo della potenza espressiva della Letteratura, non si accorge del contesto che lo circonda.

Man mano, subirà una significativa e repentina metamorfosi, più che altro, un risveglio.

Quello che più di tutto, mi ha conquistato sono i dibattimenti sulla Letteratura, tra lui ed altri personaggi,

Andrà spesso al bar Orquìdea, dove consumerà limonate ghiacciate e molto zuccherate, che non gli fanno bene, essendo sovrappeso ed avendo problemi cardiaci.

Una cosa molto particolare e che si ritrova spesso a pensare Pereira, è che non crede nella resurrezione della carne, ma solo in quella dell’anima.

La morte è molto presente nel romanzo. Che culmina nella persona di Pereira, ci pensa tantissimo e spessissimo. A lui, si contrappone, la figura di Monteiro Rossi, che è invece un ragazzo molto vivo, vivace e che tiene troppo alla vita, per lasciarsi scoraggiare e tendere a pensare ad essa. Gli scorre troppo sangue, troppa linfa.

CONSIDERAZIONI FINALI

Mi sono completamente immersa nella lettura, molto ristoratrice. Ho fatto come un bagno totalizzante e energizzante. Attorniata da una nube rosea e soporifera, mi sono sentita finalmente in pace con me stessa. Ho tratto significato da questa lettura, mi sono fermata a riflettere sulla Vita, sul suo profondo e imperituro senso.

E’ un libro che mi ha permesso e mi ha concesso di ritagliarmi il mio spazio e il mio tempo. Ritrovando forza, vitalità in me e negli altri.

Mi ha dato la possibilità di nutrire di nuovo una nuova prospettiva, una nuova Speranza in noi e negli altri!

Senza categoria

Buona Pasqua 2021! A tutti. In un momento, indubbiamente difficoltoso e traumatico, abbiamo bisogno di infiniti auguri, di ”abbracciare” il mondo, anche se ahimè, virtualmente! Ma per ora va bene così. Pensiamo al domani, ché magari ci possa di nuovo arridere.

Auguri per una Pasqua veramente serena, che possa essere di ottimo auspicio per una possibile Rinascita!

Che possiate trascorrerla serenamente. E’ vero, non c’è niente che possa essere avvicinarsi alla parola normalità, ma con il cuore in mano, con gli occhi colmi di speranza, è possibile che possiamo arrivare alla fine del tunnel. Incrociando le dita, speriamo di vedere finalmente la luce.

Di poterci riunire. Che questo lungo e travagliato periodo, possa essere di insegnamento, per un domani più considerevolmente vero, autentico, fatto di semplicità, di Essenza.

Insomma, ancora auguri agli amici, ai parenti, a chi talora non è stato benevolo, a chi è lontano, a chi soprattutto sta male! Specialmente.

Che questa giornata e questo sole possa sorgere per tutti. Ma proprio per tutti.

Auguri Pasquali e Frasi di Auguri di Buona Pasqua 2021